deutsch
english
francais
italiano
espanol
Photo
PERU

27 Agosto 2002

Perù: la Bayer riconosciuta responsabile della morte di 24 bambini

Dopo 9 mesi di indagini, una Commissione Parlamentare Peruviana ha publicato il suo rapporto finale sui decessi per avvelenamento di 24 bambini nel remoto villaggio di Tauccamarca nell'Ottobre 1999.
La Commissione ha concluso che ci sono prove evidenti della responsailita' amministrativa e criminale del Ministero dell'Agricoltura, e di responsabilità criminale della multinazionale agrochimica Bayer.
La Bayer è stata il principale importatore e distributore del Flidol, il pesticida che ha provocato i 24 decessi. Il rapporto parlamentare raccomanda che il governo e la Bayer indennizzino le famiglie dei bambini morti.

La Commissione fu istituita in seguito all'appello fatto dai genitori dei minori deceduti e di altri 18 bambini che, pur essendo stati avvelenati, sono sopravvissuti. Le analisi mediche iniziali indicano che molti di questi bambini soffriranno di diversi problemi sanitari di lungo termine, compresi problemi di crescita. La Bayer promuoveva ampiamente il Folidol in tutto il Peru', concentrando le sue campagne di marketing nell'uso del pesticida sulle piantagioni Andine coltivate soprattutto dai piccoli agricoltori, gran parte dei quali è analfabeta e parla solo il Quechua. La Bayer impacchettava il Folidol, che era una polvere bianca simile al latte in polvere inodore, in piccoli sacchetti di plastica, etichettati in Spagnolo e raffiguranti foto di vegetali. Le etichette non fornivano informazioni comprensibili alla maggior parte di questi villaggi remoti sulla sicurezza del prodotto, e avevano indicazioni piccole sui pericoli.

Le famiglie coinvolte hanno fatto causa alla Bayer affermando che la multinazionale avrebbe dovuto prendere provvedimenti per prevenire il prevedibile cattivo uso di questo prodotto estremamente tossico.
Le famiglie chiedono giustizia per i figli deceduti, garanzie di assistenza medica per quelli sopravvissuti e riforme legislative per prevenire tragedie future. L'accusa cita anche il Ministero dell'Agricoltura per non essere riuscito a implementare le leggi sui pesticidi: le vendite incontrollate di pesticidi ad uso ristretto sono comuni in tutto il Perù. L'azione giudiziaria è stata avviata il 22 Ottobre 2001 e il processo deve ancora concludersi. Gli sforzi delle famiglie di Tauccamarca e delle ONG peruviane sono stati sostenuti dall'appoggio dell'opinione pubblica e hanno ottenuto cambiamenti legislativi importanti.

Per esempio nel Febbraio 2002, il Servizio di Sanita' Agraria Nazionale del Perù ha pubblicato una risoluzione che sospende le importazioni di tutti i pesticidi classificati dall'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) come estremamente dannosi (Ia) e altamente pericolosi (Ib).
Le famiglie hanno anche scritto al Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, per chiedergli l'esclusione della Bayer dal Global Compact dell'Onu. Il Global Compact è una partnership tra l'Onu e alcune multinazionali che promettono di rispettare i diritti umani e i principi di tutela ambientale.

www.CBGnetwork.org trad. it. a cura di www.ecquologia.it