deutsch
english
francais
italiano
espanol
Photo
Imidaclopride

Comunicato stampa, 2 agosto 2010
Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer (Germania)

Imidaclopride: sottovalutati i rischi a lungo termine

Il pesticida più venduto al mondo / Sostanza implicata nelle morie di api in molti paesi / Vietato in Italia

Da molti anni i gruppi di ambientalisti e le organizzazioni di apicoltori chiedono la messa al bando dei pesticidi neonicotinoidi, messi in relazione con le morie di api in tutto il mondo. In un recente studio intitolato: La tossicità degli insetticidi neonicotinoidi per gli artropodi aumenta col tempo di esposizione, il tossicologo olandese Henk Tennekes dimostra che i rischi a lungo termine associati agli insetticidi imidaclopride e thiacloprid, sono molto maggiori di quanto ritenuto fino ad ora. Questo può spiegare il declino del numero delle api in tutto il mondo. Lo studio è stato pubblicato il 23 luglio sulla rivista Toxicology (online).

Il Dr. Henk Tennekes parlando dei risultati dello studio, ha detto: "I rischi degli insetticidi neonicotinoidi per gli artropodi, sia su terra che in acqua, sono oggi, probabilmente, molto sottovalutati. I limiti di accettabilità si basano prevalentemente su esperimenti a breve termine. Se fossero condotti degli studi a lungo termine potrebbero risultare pericolose anche concentrazioni molto minori. Questo spiega perché, quantità minime di imidaclopride, possono, nel lungo termine, indurre un declino nella popolazione apiaria." Per la loro alta persistenza, i neonicotinoidi possono rimanere nel terreno anche per anni. Quindi anche piante non trattate, ma coltivate in un terreno dove in precedenza è stato usato l'imidaclopride, possono assorbire la sostanza attraverso le radici e arrivare a contenerne una concentrazione pericolosa per le api.

Il Dr.Tennekes è anche preoccupato per l'alto livello di contaminazione delle acque di superficie, con sostanze chimiche relativamente stabili, utilizzate in agricoltura. In Olanda, i gestori delle acque hanno rilevato livelli di imidaclopride che arrivavano a 320 microgrammi per litro. La direttiva europea 91/414/EEC, Plant Protection Products Directive (Direttiva sui prodotti per la protezione delle piante), richiede che, nell'ambiente acquatico e terrestre non ci sia un impatto inaccettabile sugli altri organismi, quelli verso cui non è diretta l'azione della sostanza utilizzata. La suddetta direttiva richiede anche che la concentrazione media annuale di una sostanza attiva o di un metabolita da essa derivato, non ecceda gli 0,1 microgrammi per litro nelle acque del sottosuolo.

L'imidaclopride è l'insetticida più usato al mondo e il più venduto tra quelli della Bayer. Nel 2009 le vendite di imidaclopride sono state di 606 milioni di euro. Questa sostanza è spesso usata nel trattamento dei semi, specialmente di mais, di girasole e di colza. L'inizio delle vendite dell'imidaclopride ha coinciso con l'inizio delle morie di api, prima in Francia e poi in Italia e in molti altri paesi europei, in Canada, negli Stati Uniti e in Brasile.

Dopo le devastanti morie di api in Germania, nel 2008, causate dai pesticidi neonicotinoidi, la Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer, (CBG Germania) ha denunciato la direzione della Bayer per aver minimizzato i rischi dell'imidaclopride, presentando alle autorità studi carenti e accettando le perdite di api in molte parti del mondo. Allo stesso tempo le autorità tedesche hanno messo al bando l'uso sia dell'imidaclopride che del suo successore, la clothianidina, sul mais. Anche l'Italia e la Slovenia hanno imposto il bando a questi veleni.

In Francia, l'imidaclopride è stato bandito come trattamento sui semi di girasole (dal 1999) e di mais (dal 2004). Nel 2003 il Comité Scientifique et Technique, riunito dal governo francese, ha dichiarato che il trattamento dei semi con l'imidaclopride comporta un "rischio significativo per le api". L'uso della clothianidina, non è mai stato approvato in Francia.

//Per mettersi in contatto col Dr. Henk Tennekes: info(at)toxicology.nl, Tel. +31 575 545500//

vedere anche:
· Mortalità nella popolazione apiaria: Denunciato il Presidente della Bayer
· Appello al Governo Italiano: Bando permanente per i pesticidi tossici
· Pesticidi da Bayer