deutsch
english
francais
italiano
espanol
Photo
Latte in polvere per bambini

15 Giugno 2010
Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer (CBG, Germania)

//Il Brisbane Times, riporta la notizia che la Bayer ha violato l'accordo che esiste in Australia sul marketing del latte in polvere per bambini. Per molti anni, la Bayer, la Nestlè e altre compagnie, hanno usato tattiche di marketing aggressive per aggirare il bando sulla pubblicità del latte in polvere. Nel 2006 la Bayer è stata tra le compagnie che hanno fatto causa al governo delle Filippine per bloccare il bando assoluto di promozione e pubblicità dei sostituti del latte materno.//

Bayer ha violato l'accordo sul latte in polvere per bambini

Brisbane Times - Una compagnia farmaceutica ha violato un accordo sul marketing del latte in polvere per bambini, idealizzando l'allattamento col latte in polvere in una pubblicità su una rivista specialistica per medici.

Nel gennaio 2009 il pannello di esperti che controllano il marketing del latte in polvere in Australia ha ravvisato una violazione, da parte di Bayer Australia, dell'accordo sul Marketing in Australia of Infant Formulas (MAIF). L'organo di controllo lo ha rivelato nel suo rapporto annuale 2008/2009 che è stato discusso in Parlamento giovedì scorso.

Bayer è firmataria dell'accordo che mira a proteggere e promuovere l'allattamento al seno e a garantire l'uso appropriato dei sostituti del latte materno secondo le linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

A seguito di una segnalazione, il pannello ha ritenuto che la Compagnia abbia violato l'accordo, pubblicando, in una rivista per medici del 2007, una pubblicità intitolata "Metti a nanna i problemi di allattamento". La pubblicità contiene immagini di una casa con le luci accese di notte e elenca una serie di problemi di allattamento che il prodotto della Bayer pretende di alleviare.

Il pannello di esperti ritiene che la pubblicità in questione sia in violazione dell'accordo perché contiene informazioni che non sono scientifiche né basate su fatti. Nel rapporto è scritto: "La frase "Metti a nanna i problemi di allattamento" non contiene informazioni scientifiche né basate su fatti, ma è semplicemente uno slogan che, si può ragionevolmente ritenere, idealizza l'uso del latte in polvere per bambini".

L'intera pubblicità amplifica l'idealizzazione dell'uso del latte in polvere proposta dallo slogan, dando l'impressione generale che il latte in polvere risolva una serie di problemi legati all'allattamento. "Cioè, problemi che hanno sia i bambini allattati al seno che quelli che allattati col latte in polvere".

"Perciò la pubblicità può essere ragionevolmente considerata una idealizzazione dell'uso del latte in polvere, tale da sminuire il valore l'allattamento al seno".

Secondo l'accordo, i produttori e gli importatori che lo hanno volontariamente sottoscritto, non possono pubblicizzare o promuovere il latte in polvere al pubblico. Possono fornire informazioni agli operatori sanitari purchè queste siano limitate a questioni scientifiche e fattuali e non implichino che l'allattamento artificiale sia equivalente o superiore all'allattamento al seno.

Il rapporto aggiunge che la pubblicità, dopo la sua comparsa sulla rivista medica, non è più stata pubblicata e che la Compagnia ha affermato di non volerla utilizzare in futuro.

Non ci sono sanzioni legali o finanziarie legate alla violazione dell'accordo MAIF.

vedere anche (inglese):
· Bayer Report IBFAN: http://www.cbgnetwork.de/downloads/IBFAN_Report_Bayer.pdf
· Nestle, Bayer, Heinz: Food firms accused of pushing toddler milk
· Milk formula ads: Astra-Zeneca, Bayer, Novartis sue Philippine government