deutsch
english
francais
italiano
espanol
Photo
Riso OGM

14 Aprile 2009 - Greenplanet

Riso OGM: 3 italiani su 4 dicono no

Quasi tre italiani su quattro che esprimono una opinione (72 per cento) ritengono che i cibi con organismi geneticamente modificati sono meno salutari di quelli tradizionali ed è pertanto necessario difendere la produzione dai rischi di inquinamento, a partire dalle sementi.

È quanto afferma la Coldiretti sulla base di una indagine Swg nel commentare l'approvazione, da parte della Commissione europea, del rapporto sulla coesistenza tra le colture geneticamente modificate e l'agricoltura tradizionale e biologica, nel quale si annuncia la prossima presentazione di un testo legislativo sui limiti da porre in etichetta circa la presenza di ogm.

Nonostante la crisi economica la grande maggioranza dei cittadini non giudica la diffusione degli organismi geneticamente modificati una soluzione positiva e al contrario – sottolinea la Coldiretti - si rafforza l'opposizione da parte degli italiani (+ 5,2 per cento).

Le coltivazioni Ogm nel mondo non solo non hanno risolto il problema della fame, ma hanno anche aggravato la dipendenza economica dall'estero di molti Paesi in via di Sviluppo, afferma la Coldiretti nel sottolineare che l'Italia con i primati conquistati qualitativi e nella sicurezza alimentare nell'agroalimentare ha peraltro una ragione più per rispettare il principio della precauzione nei confronti dei consumatori che mostrano una forte opposizione agli Ogm.

Intanto la Commissione europea, partendo dal parere favorevole dell'Efsa, chiede agli esperti del Comitato permanente per la catena alimentare e la salute animale, che si riuniranno il 20 aprile a Bruxelles, di approvare la commercializzazione nell'Ue del riso geneticamente modificato LL62, prodotto dalla Bayer e destinato a uso alimentare (ma non alla coltivazione). Si tratterebbe della prima autorizzazione comunitaria per un ogm destinato direttamente al consumo umano.

Ulteriori informazioni:
· Riso OGM: Lettera aperta alla European Food Safety Authority a Parma
· No al riso transgenico dalla Bayer / Ogm non autorizzati